27 marzo 2012



Ho voglia di immergermi in ogni cosa. Come il sole.
Ho visto i raggi sposare le foglie, oggi.
E' tutto nuovo, ogni volta. Anche una scena così.
Potevo sentire il calore che dava loro vita.
Quasi ferme, ricevevano.
Vorrei essere chiara come la sposa. Sciolta come la pioggia.
Vorrei commuovermi. E invece le mie emozioni sono differite.
Come se l'emozione più forte fosse un regalo così intimo da dover essere scartato da sola.
Assaporato nel buio della sala, col proiettore del ricordo.
Come se qualcuno dovesse prendermi tra le braccia e dirmi "piangi tutto", che tra un'ora è l'alba. E solo all'alba sentire che è andata via la tristezza, che inquinava la gioia.
Vorrei saper ricevere, come le foglie, la luce.
Senza controllo, senza aspettative.
Saper dare senza attaccamenti, come il sole.
Guardo una pianta, e la ringrazio. Mi insegna che amare è come respirare.
Una fotosintesi.
Stasera è una serata così. Di quelle che se vai a letto poi ti perdi una parte del film.
Che se ti addormenti, non ti vivi più.
Che la devi vedere l'alba. La mia alba.
Ho promesso che sarei stata Sole.



Un buon compleanno va a Mauro, grande anima e maestro in questo mio viaggio.

1 commento:

Giancarlo ha detto...

Bel post! felice fine settimana...ciao