13 febbraio 2019

10 febbraio 2019

So true.

The tension of the future is unbearable in us. It must break through narrow cracks, it must force new ways. You want to cast off the burden, you want to escape the inescapable. Running away is deception and detour. Shut your eyes so that you do not see the manifold, the outwardly plural, the tearing away and the tempting. There is only one way and that is your way; there is only one salvation and that is your salvation. Why are you looking around for help? Do you believe that help will come from the outside? What is to come will be created in you and from you. Hence look into yourself. Do not compare, do not measure. No other way is like yours. All other ways deceive and tempt you. You must fulfill the way that is in you.

Oh, that all men and their ways become strange to you! Thus might you find them again within yourself and recognize their ways. But what weakness! What doubt! What fear! You will not bear going your way. You always want to have at least one foot on paths not your own to avoid the great solitude. So that maternal comfort is always with you! So that someone acknowledges you, recognizes you, bestows trust in you, comforts you, encourages you. So that someone pulls you over onto their path, where you stray from yourself, and where it is easier for you to set yourself aside. As if you were not yourself! Who should accomplish your deeds? Who should carry your virtues and your vices? You do not come to an end with your life, and the dead will besiege you terribly to live your unlived life. Everything must be fulfilled. Time is of the essence, so why do you want to pile up the lived and let the unlived rot?

Carl Jung, The Red Book: Liber Novus, A Reader's Edition p. 384

5 febbraio 2019

Appunti su Pierre Bonnard (alla Tate Modern)

"He who sings is not always happy"
Pierre Bonnard

Bonnard, un pittore che tra specchi e inquadrature...sembra piu' un fotografo.
Lui inquadrava con la mente un momento, e poi dipingeva come ricordava...colorando col sentimento.

Qui una scena ripresa da uno specchio, ma l'artista non si vede (da quella che dovrebbe esser la sua posizione).


Una scena di famiglia, di campagna. 
Con tante quinte, e se aguzzate la vista, piu' di un gatto.


I nudi in pose naturali e sospese. Come questo baby spettatore.


Appunti da artista:


Bellissima luce...ancora nudi e specchi.



La mia preferita:


E volti nascosti all'angolo di paesaggi ameni.


Per leggere di Bonnard



29 gennaio 2019

Sounds of the sea and ships

Mare senza riva

Come se il mare aprendosi
svelasse un altro mare,
e questo un altro ancora
e i tre presagio fossero
d'infiniti mari
mai toccati da riva.
Come se mare
a mare fosse riva.
Questo è Eternità.

(Emily Dickinson)

Oggi sono andata in un charity shop e ho comprato per 2 sterline un vinile. "Suoni del mare e delle navi", registrato nel 1957 nelle coste britanniche.... la descrizione sul retro e' commovente, sembrano storie... storie di suoni...testimoni di un'attenzione diversa e che si sta perdendo.
Il retro di questo vinile sembra un manuale di degustazione del suono marino.

Mi viene in mente il Postino con Troisi. "Onde alla cala di sotto, piccole". 

L'ho comprato ed ero commossa...questo vinile era come se mi aspettasse, come se non potesse (per sua natura) che finire in mano mia...
Non vedo l'ora di far girare questo vinile a casa, farlo girare.... fino a sentire l'odore del mare.