19 settembre 2018

La bellezza ti guarda


La bellezza ti guarda,
e' lei che ti fissa, magnetica, per farsi guardare.

Ti fa sentire fuori posto,
ti fa fare silenzio.
E ti mette, a un tratto, in ordine.


La bellezza ti ascolta,
e ti richiama.

Non aspetta 
che tu smetta di far rumore.


Non si cura di chi c'e'.
Lei canta
"accorgiti di me"
e vuole che tu sia totale.


E' cosi' che ti salva, 
sottraendoti un attimo alla volta
al tuo caos di oggetti solitari.


Resta impreparato,
ma sii pronto a incontrarla.

La bellezza ti guarda, ti ascolta, ti chiama,
come  anima sua,
anima mia.


6 settembre 2018

https://youtu.be/0Uu750LG7U0

Lo sbadiglio di uno che passa a un altro è tra i  comportamenti istintivi che ci ricordano che ciò che è vicino ci contagia, ha un effetto plasmante.

Accade continuamente, nel bene e nel male, di emulare,  doppiare, accordarsi al contesto.

E per questo istintivamente ci avviciniamo a certe persone e altrettanto istintivamente ce ne allontaniamo, in base all influenza che insieme produciamo.

Nessuno sbadiglio dura per sempre.

Ecco che bisogna distinguere l'identità dal comportamento.  Gli sbadigli non sono la persona che sbadiglia.

4 settembre 2018

Freedom

I have built my freedom, a grain of sand at a time.
I eradicated family bitter roots: by burning them I made incense for sacred rituals of awareness.
From screams of neighbors I made a carpet of wise silence. The blood bond has become a thin cord
from which hangs the lamp of  thoughts and feelings still acceptable.

Once I was born I was a name, an expectation, a role. I have changed image of me in the frame,
my wishes in the vase for flower, role in my chair, even my name outside the front door.

I made and unmade all, like a sand mandala, building a decorated floor inside the circle of life.
I became a cartographer of myself, turning cardinal points, changing languages, moving inner and outer borders.

I have fighted cold wars fearing death and friendly fire, given asylum to the enemy, served a mysterious commander, signed some truces with myself.

I have built my freedom, not as a free space but as a sandcastle and still I know this is not my home.

There is a bigger freedom which blows on sand as on birthday candles, with that secret wish that will create another sandy freedom, somewhere, one day.


MC
London  4/09/2018

1 settembre 2018

Poesia di Eduard Asadov

Molti sono coloro con cui si potrebbe andare a letto,
Pochi quelli con cui si desidera svegliarsi...
Voltarsi al mattino prima di abbandonarsi,
E salutare con la mano, sorridendo,
Preoccuparsi tutto il giorno, aspettando delle notizie.
---
Quanti sono coloro con cui si puo' soltanto vivere
Bere al mattino un caffe', parlare e discutere...
Con chi si puo' andare pure al mare,
E come si deve - nel bene e nel male
Stare insieme...Nel frattempo non amare...
---
Troppo pochi sono coloro con cui desidera sognare!
Guardare insieme nuvole brulicanti nel cielo,
Scrivere parole d'amore sulla prima neve.
E pensare solo a quella persona...
Riempiti di felicita', senza chiederne di piu'.
---
Troppo pochi sono coloro con cui puoi stare in silenzio,
Chi ti capisce e comprende al volo
A chi non dispiace regalarti i suoi anni,
E per chi tu saresti in grado- come ricompensa-
Subire ogni dolore e pena...
---
E cosi si tira per le lunghe-
Ci si incontra facilmente, poi ci si lascia senza dolore...
Ed e' perche' ci sono molti con cui si potrebbe andare a letto.
E pochi quelli con cui si desidera svegliarsi.
---
Molti sono coloro con cui si potrebbe andare a letto,
Pochi quelli con cui si desidera svegliarsi...
E la vita passa come una perdita di tempo,
Spostandoci come una divinazione sul piattino.
---
Ci agitamo: il lavoro...la vita...gli affari...
Chi vuol sentire deve ascoltare,
Perche correndo vedi solo i corpi,
Fermatevi...per vedere l'anima.
---
Scegliamo con il cuore della mente,
Temendo di scambiare un sorriso,
Affidando l'anima solo a quelli
Con cui si desidera svegliarsi...


 Eduard Asadov