26 novembre 2015

Il fotografo e il suo bersaglio

“Il mio tiro non arrivava a colpire il bersaglio”.

Questo mi spinse a chiedere al Maestro perchè non ci avesse ancora spiegato come si mira. Ci deve pur essere, supponevo, un rapporto fra bersaglio e punta della freccia, e così un modo di mirare che renda possibile far centro

“naturalmente c’è”, rispose il maestro “e lei potrà trovare facilmente l’impostazione adatta. Ma se anche poi ogni suo tiro colpisce il bersaglio lei non sarebbe che un virtuoso dell’arco che può esibirsi. Per l’ambizioso, che conta quante volte fa centro,il bersaglio non è che un povero pezzo di carta che egli fa a pezzi. La “Grande Dottrina” del tiro con l’arco considera questo pura stregoneria. La Grande Dottrina non sa nulla di un bersaglio che è piantato a una certa distanza dall’arciere. Essa conosce solo la meta, che non si raggiunge in alcun modo tecnicamente, e chiama questa meta, se pur la nomina, Budda.”

 (E. Herrigel, Lo ZEN e il tiro con l’arco).

Trapani, 2014

1 commento:

Anonimo ha detto...

I was very pleased to discover this great site. I need to to thank you for ones
time due to this wonderful read!! I definitely savored every little bit of it and I have you saved as a favorite to check
out new information on your website.

My blog post: Max Ammo Hack