8 aprile 2012

Sulle foglie


Un'immagine può essere banale. 
Una foglia non lo è mai.

Ognuna è diversa. Ha la sua storia, il suo colore, la sua propria forma.
La sua dignità di vita.

Un'immagine di una foglia vive questo controsenso.

Come può un'immagine fare immaginare, spaziare con la fantasia, quando gli occhi sono già abituati a vederla? Oh occhi anziani, occhi stanchi al mondo...senza più stupore.

L'immagine di una foglia...cosa deve comunicare in più, per essere desiderabile? 
Per fare una foto "riuscita"?

Forse questo è proprio degli uomini: immaginificare.
La volontà di dare un senso alle cose.  Così fare un'immagine "riuscita" significa:
trovare la metafora adatta per amare il soggetto. O almeno, per apprezzarlo con l'intelletto.

Niente è banale, quando il fine è amare la vita.
Quando si capisce che ciò che ognuno trova fuori sono parti di sè, ancora da amare.



Mi esercito a guardare...
Una meditazione fotografica .
Senza giudicare, se una foto "banale" sia o meno un amore riuscito.



2 commenti:

Marco ha detto...

Bella e intelligente considerazione :-)

UIFPW08 ha detto...

La vita basta viverla senza perche..