8 maggio 2016

attraversamare

Sono stata pochi giorni fa a Parigi. La "mia" città.
Si può amare qualcosa senza averla avuta mai davanti... senza averla toccata? A quanto pare si.
L'ho conosciuta da lontano, da foto, scritti di poeti e filosofi, da racconti e miti. L'ho aspettata per anni, costruendo anche un sogno personale fatto con:
- Un compleanno
- Un ponte
- Una luna piena che si riflette sulla Senna
- La persona giusta
Senza queste cose, mi ero detta. .. niente Parigi.
E invece non è così. Io faccio piani ma vengono stravolti dal destino. Parigi, come e con il tempo, cambia ma resta sempre incantevole, con la sua personalità affascinante.
Anch'io cambio: infatti inizio a pensarla come Gurdjeff. Forse sognare è da chi non può permettersi la realtà. E adesso vale la pena fare...senza aspettare.
Così Parigi e il viaggio non mi hanno deluso. Per niente. Delusi sono stati quegli ostacoli-sogni che avevo frapposto tra me e la città. 
Certo, ho qualche difficoltà a lasciare andare tutto il mio processo immaginifico. Perché io sogno così forte che la luna si nasconde e i ponti si confondono... Ma con questo viaggio scopro che la persona giusta sono io, a Parigi... e forse sono anche la luna piena, e i ponti che getto verso le persone...
Mi piace comunque ogni sogno che ho creato. Perché sono i sogni che vivificano, in assenza di realtà.



Caso vuole che adesso, a pochi giorni di distanza, sia qui, in un altro posto che ho scrutato da lontano. In una scala di pietra, sotto la luce gialla. E l'ho girato un po questo piccolo paese siciliano,  che avevo amato tanto tempo fa dal racconto di altre persone, a voce a messaggi a libri. L'ho girato ricordando le sensazioni, tra rumori odori visioni e passi trasmessi. Ecco perché questo paese, come Parigi, mi sembrano tanto familiari.
Ho amato. I luoghi. Chi e come li ha vissuti. Al punto che sono diventati anche miei.
E oggi Scianna parlava di fotografia come mezzo per avvicinarsi agli altri. Mi chiedo se non valga anche per l'amore, ma in senso contrario. L'amore per altri come mezzo per avvicinarsi a se stessi.

Amare attraverso. Attraversamare.  


Bisogna che tagli le trecce. Al mare. All'alba. 




Nessun commento: