6 maggio 2013

...perchè bisogna lasciare alle proprie storie lo spazio,
per scavarci nel petto
 un abisso di lacrime calde,
di polvere e terra materna.
Una voragine immensa,
attraverso cui possa soffiare il vento
della nostra impronunciabile musica.

Nessun commento: