21 novembre 2011

Haiku #1

Haiku #1

Gocce di pioggia,
piccole orme sciolgono
manti di neve.




"grazie a te ho una barca da scrivere, ho un treno da perdere"

La sua voce calda accoglie ogni cosa.
Sensibile, liquido come un pianto genuino, e allo stesso tempo asciutto come la neve.
De Andrè che guarda con dolcezza ogni passaggio.




7 commenti:

onda ha detto...

"e un invito all'hotel Supramonte dove ho visto la neve
sul tuo corpo così dolce di fame, così dolce di sete"

la poesia si inchina di fronte a De Andrè...

è una canzone dolcissima...
e le tue parole lo sono altrettanto...
un bacio

Sunshine ha detto...

SECONDO BLOG che danza con De André oggi...è una meraviglia che mi fa pesare il cuore un po' di più...

TrecceNere ha detto...

Grazie Onda :)

Mia cara Sun...De Andrè va assunto previa consultazione del medico, se no puo' avere effetti collaterali :)

Nicole ha detto...

Ricordi, di un tempo che fù...

TrecceNere ha detto...

Nicole quanto mi piacerebbe bere una tazza di thè con te...ho l'impressione che potremmo parlare di tante cose :)

carmelo caruso ha detto...

Non amo De Andrè alla follia, ma so riconoscere una poesia, infondo è tutto ciò che cerco, è quello per cui giro silenziosamente ed è per quello che non ho una patria.

dandelion67 ha detto...

Entra nell'Anima e la arricchisce ad ogni ascolto...
Ti seguo..
un raggio di Sole..
dandelìon