15 settembre 2006

...


A volte ti chiedi come sia il mondo da lassù. O i ricordi. Quelli belli, Quelli brutti. Che effetto faranno. Come si vedranno, se sembreranno reali ancora una volta, tanto da poterli riabbracciare, o se il Regista avrà messo qualche effetto ad acquarello, aggiunto una luce al neon, chissà, magari un tocco country. Forse i colori li vedremo diversi da lassù, su uno schermo ultrapiatto, o proiettati su una nuvola. Immagini deformate o perfettamente nitide. Ci ricorderemo di quell'auto che ci tagliò la strada anni fa, e noi che ci arrabbiammo, che ci aggrottammo. E vedremo di quando piangevamo per qualcosa che non conoscevamo, di quando ridevamo per le bolle di sapone, di quando aspettavamo alla fermata dell'autobus. Forse peseremo i rimpianti e i rimorsi ma sarà tardi per chiedere scusa, tardi per dare il proprio perdono. Se saremo fortunati però dimenticheremo tutto presto, così presto che non avrà più senso chiedersi perchè abbiamo vissuto, così tardi che i ricordi non ci serviranno più. Così lontano da farci domande diverse da quelle della vita.Forse guarderemo quelli che rimangono, quelli che piangono, e vorremmo dire delle ultime parole. Non per dire di non piangere, perchè quello l'abbiamo fatto anche noi, quello fa parte della vita. Ma per dire che quando ci raggiungeranno anche loro sentiranno quel soffio eterno che asciuga le lacrime, e tutto il resto saranno sciocchezze che passano. Diremmo loro di camminare con dei centimetri d'aria sotto i piedi.
Mi dispiace tanto Claudio.

5 settembre 2006

La mia micia tigratissimi


Sebbene sia restia a parlare della mia vita privata, non posso fare a meno di guardare nella sedia accanto alla mia. In una cesta di vimini dorme ormai da ore la mia gattina dai tanti nomi (Mettilalà, Misa, Casus Belli, Sprite, Lolita, solo per citarne alcuni, ma si gira solo se la chiamo Misa). Non solo è venuta a mettersi vicino a me, ma saltando sulla sedia ha fatto il suo caratteristico PRUUU. Merita almeno qualche foto.


Queste sono da ingrandire. Ho scelto le foto che meglio rispecchiano il suo carattere...manca solo il suo attacco ai gatti capitalisti, e un video da paperissima, che un giorno spero di poter mettere nel blog.

Ha adottato lei me. Oltre a spuntare la prima volta sul davanzale della finestra a miagolarmi da seduta, è tornata più volte a miagolare dietro le finestre, se ne chiudevamo una cambiava finestra. Ha appannato tutti i vetri del piano terra, finchè non ha preso possesso del divano e pian piano di tutta la casa. La micia ha la coda corta e arricciata a porcellino dalla nascita, che le da meno stabilità, ma un carattere ancora più buffo e goffo.

Se confrontate le mie mani di 4 mesi fa e quelle di ora, vi accorgerete di come sia giocosa (graffi ovunque). Sospetto sinceramente che sia mezzo cane, la chiamo "vieni" e mi segue, mi aspetta quando faccio tardi la sera, riconosce il rumore della macchina e mi viene incontro facendo pruuu anche sotto la pioggia.

3 settembre 2006

FOTO: Marte

Potrebbe sembrare il deserto roccioso, o il suolo di Marte...è il muretto di un porticciuolo preso al tramonto :)